Depressione o cattivo umore?

Al giorno d’oggi, si usa la parola “depressione” per tutto, da una piccola delusione alla disperazione totale. Si usa questo termine per indicare la tristezza, la malinconia, l’irritazione, il desiderio di piangere, ecc. Ma questa versione popolare della depressione non ha nulla a che fare con il termine clinico.

In realtà, la depressione è una diagnosi clinica di un disturbo psicologico. Questo disturbo è caratterizzato da un umore basso e da una ridotta, o totalmente assente, capacità di provare piacere (anedonia).

La depressione non è un disturbo minore. Non è qualcosa che puoi ignorare: potrebbe avere conseguenze molto gravi.

I sintomi della depressione possono essere classificati nelle seguenti aree:

Emotivi. La persona può sentirsi turbata, indicibilmente triste o ansiosa. Di regola, ha un umore depresso. Non crede in sé stessa e pensa che questo stato non finirà mai. La fiducia in sé stessa precipita a zero. Il soggetto è molto insoddisfatto di sé, prova un sentimento di impotenza e sensi di colpa. Spesso non riesce a spiegare tutto questo e descrive la sua condizione come “semplicemente brutta”.

Fisiologici. Contrariamente alla credenza popolare, la depressione non è soltanto il “cattivo umore”. Coinvolge anche una disfunzione degli organi interni. Proprio per questo motivo, una persona depressa può sperimentare un aumento o una diminuzione dell’appetito, difficoltà a dormire e una diminuzione della libido. Può avvertire un dolore inspiegabile al tratto digerente e al cuore, mal di testa e dolori muscolari. Anche la stanchezza e la debolezza sono spesso presenti nella depressione.

Cognitivi. Una persona depressa non riesce a focalizzare la propria attenzione. Prendere una qualunque decisione diventa un compito arduo. I suoi pensieri diventano lenti e sfuggenti. Sviluppa una visione a tunnel: riesce a prevedere solo una versione degli eventi ed è estremamente negativa. La sua coscienza è piena di pensieri oscuri e di presentimenti.

Comportamentali. Questi sintomi sono “in superficie”, le altre persone possono vederli. Possono notare la passività, la letargia, l’inerzia, il desiderio di stare da soli, una quasi totale perdita d’interesse nella comunicazione. Una persona depressa può “cadere” nelle dipendenze: gioco, alcolismo, narcotici, etc.

Viene diagnosticata la “depressione” quando il soggetto manifesta i sintomi per almeno due settimane. Questa persona ha bisogno di un aiuto professionale! La depressione è una malattia insidiosa e molto pericolosa. Se non trattata, può esaurire il soggetto e diventare un ponte verso la sua autodistruzione.

Se hai questi sintomi da un po’ di tempo, devi andare da uno psicoterapeuta o da uno psichiatra. Ti aiuteranno ad iniziare il trattamento.