Il giardino del Bambino Interiore

La personalità di ognuno di noi presenta gli aspetti di un bambino, di un adulto e di un genitore. Oggi parleremo dell’aspetto del bambino. Contiene tutti i nostri pensieri, i sentimenti e i comportamenti associati alla giovane età. Di solito, questo aspetto è chiamato Bambino Interiore. Tuttavia, in verità, non c’è un solo bambino, c’è un intero asilo di bambini che vivono dentro di noi.

1. Il Bambino Adattivo.

Durante tutta la sua infanzia, un bambino si adatta ai suoi genitori e alle altre persone che li circondano. Mamma e papà ti dicono di dire “Grazie” quando ti viene dato qualcosa, di salutare i vicini, anche se non ti piacciono, di usare un fazzoletto se hai il naso che cola e non la manica della maglia, anche se la manica è molto più comoda.

Un bambino potrebbe notare che a sua madre non piace quando urla, si diverte e corre, quindi in sua presenza inizia a comportarsi in maniera calma e tranquilla nonostante dentro di sé egli desideri qualcosa di completamente diverso. Tuttavia, il papà approva sempre i sorrisi e le risate e diventa di malumore quando il bambino agisce in maniera arrabbiata o piange. È così che il bambino impara a reprimere la rabbia e la tristezza in presenza di suo padre, pur sentendosi in quel modo, per non perdere il favore di suo padre.

Anche da adulto, questa persona continuerà a usare gli stessi schemi comportamentali.

Ci troviamo nello stato del Bambino Adattivo quando aderiamo alle regole di attraversamento della strada, quando diciamo “grazie” e “per favore”, ecc. In questo caso, il Bambino Adattivo è utile in quanto consente di rispettare le norme e principi che ci aiutano a sopravvivere e a sviluppare i nostri contatti sociali grazie all’educazione.

Tuttavia, questo bambino ha anche un rovescio della medaglia associato al prosieguo dei comportamenti e delle manipolazioni del bambino nella vita adulta, il che complica significativamente la vita e impedisce la soddisfazione dei bisogni reali, l’attualizzazione dei desideri e il piacere.

Quando Milena era piccola, ha notato che ogni volta che si arrabbiava, i suoi genitori trovavano il suo comportamento orribile e iniziavano a ignorarla. Quindi, la ragazza ha imparato a reprimere la sua rabbia per non perdere il contatto con i suoi genitori. Ora che Milena ha 25 anni, se qualcuno la fa arrabbiare ferendola o causandole disagio, rimane in silenzio e sorride come un “bambino adattivo” ideale.

2. Il Bambino Ribelle.

I bambini sono inclini alla rivolta. Si stancano delle regole, vogliono scoprire i limiti e imporre le proprie regole. Quindi, nonostante tutte le indicazioni, un bambino si soffia con aria di sfida il naso nella manica, dà soprannomi spiacevoli alle persone, urla, dice le parolacce e batte i piedi. Più la madre lo vorrebbe calmo e tranquillo, più fa così. Stufo di sentirsi ripetere continuamente l’importanza dell’educazione, un bambino potrebbe iniziare a saltare le lezioni e non svolgere i compiti per casa.

Un adulto può entrare nello stato del Bambino Ribelle quando si sente stanco di tutti i vincoli.

Andrea è stanco della sua vita controllata ed esigente e, sentendosi in tumulto, la manda al diavolo e sta fuori con i suoi amici per tutta la notte.

Una protesta infantile di questo tipo si verifica quando non sembra possibile trovare un accordo in modo “adulto”, quando il sistema in cui la persona viveva è insopportabile e quando è troppo difficile sopprimere i propri sentimenti. Quindi, si verifica un’esplosione.

Tuttavia, il Bambino Ribelle possiede anche delle risorse e delle capacità. Ciò che conta è cercare di notare l’insoddisfazione fin dall’inizio. Il desiderio di “scioperare”, sia nella vita personale che al lavoro, è un segnale prezioso che ti comunica che il modo in cui la tua vita (o una sua parte) è organizzata al momento non ti soddisfa. Quindi, puoi utilizzare la tua parte adulta per valutare la situazione e elaborare un piano per cambiarla.

Oleg lavorava come consulente legale per una società da molto tempo e si sentiva insoddisfatto perché il suo stipendio non veniva aumentato da un po’ di tempo, era spesso costretto a fare straordinari e non poteva andare in vacanza quando voleva. Ha notato la rabbia del suo tumulto interiore, ma invece di pestare i piedi davanti al suo capo, ha instaurato un dialogo costruttivo con lui e ha chiesto una promozione.

Il suo capo si è rifiutato di soddisfare le sue richieste, quindi Oleg ha deciso di passare alla libera professione e, successivamente, di aprire il suo studio legale, dove guadagna 3 volte di più e può andare in vacanza ogni volta che vuole.

3. Il Bambino Traumatizzato.

Questo aspetto della personalità conserva i ricordi di tutti gli episodi dolorosi che si sono verificati quando eravamo bambini e adolescenti. In quel periodo il bambino è stato ferito a causa di umiliazioni, abusi fisici, emotivi e sessuali e non ha ricevuto alcun supporto o aiuto successivo nell’affrontare i suoi sentimenti complessi e intensi. Quando le emozioni vengono represse invece di essere vissute, rimangono all’interno del soggetto che, una volta cresciuto, può entrare in contatto con queste emozioni. Accade quando la situazione attuale ricorda il trauma infantile, anche se vagamente.

Quando Francesca era piccola, i suoi genitori la criticavano continuamente: sbagliava sempre tutto, “mani di burro”, una bambina spiacevole e inutile. La bambina si sentiva molto ferita, offesa e triste, ma non riceveva sostegno da nessuno, quindi doveva riuscire da sola. Ha imparato così a reprimere tutto. Quindi, è arrivata anche alla conclusione che c’era qualcosa che non andava in lei e che non sarebbe mai stata abbastanza brava. Ora, ogni volta che il suo capo critica il suo operato (anche se con calma e in maniera ragionevole), Francesca inizia a piangere nel suo ufficio e fatica a calmarsi.

Quando Alessia era una bambina, suo padre la respingeva sempre. Non voleva passare del tempo con lei, poteva interrompere bruscamente la loro comunicazione e andarsene, e quando decise di divorziare da sua madre, disse ad Alessia che il loro matrimonio era andato in pezzi perché lei era nata. Ora che Alessia è adulta e ha un ragazzo, ogni volta che lui si alza bruscamente e va in un’altra stanza o ci mette un po’ di tempo a rispondere ai suoi messaggi (di solito, perché è molto impegnato al lavoro), lei pensa che lui la stia abbandonando e che la causa sia lei.

In questi esempi, le donne si scontrano coi loro aspetti di Bambino Traumatizzato in situazioni di vita reale. Non reagiscono adeguatamente perché provano dei sentimenti provenienti dai loro traumi infantili e traggono conclusioni errate sulla base di questi.

Se vivi dei sentimenti così complessi e ti rendi conto che sono un flashback della tua infanzia, è importante prestare attenzione alla storia che riportano a galla, viverne il dolore per liberarti dalle vecchie emozioni, chiedere il supporto dei tuoi cari o di uno psicologo, ma non ignorarli. Più traumi infantili risolverai, più ti sentirai libero e sarai in grado di percepire il mondo e le altre persone come sono, piuttosto che vederle attraverso il prisma del tuo dolore.

Il Bambino Traumatizzato ha un vantaggio: grazie a questo aspetto, possiamo capire il dolore e la sofferenza delle altre persone ed entrare in empatia con loro.

4. Il bambino Libero o Naturale.

Quando un bambino non si adatta alle aspettative dei suoi genitori, ma non si ribella e fa semplicemente quello che vuole, si comporta come il Bambino Libero o Naturale. Hai voglia di disegnare, quindi disegni; sei stanco di farlo, smetti; vuoi correre, corri. Un bambino del vicinato ti spinge, ti senti arrabbiato e lo spingi anche tu.

Quando un adulto si trova nello stato di Bambino Libero, si comporta in modo rilassato e agisce secondo i propri desideri. Grazie a questo aspetto, una persona condivide le sue affinità o antipatie con altre persone. Qui risiedono i veri desideri, questa è la fonte dell’energia creativa. È il Bambino Libero che sente e realizza ciò che vuole essere nella vita, mentre la parte adulta decide come raggiungerlo e agisce.

Quando un genitore gioca con il proprio figlio, entra nello stato di Bambino Naturale e può godersi il processo, quindi il gioco funziona. Giocare con un bambino mentre si è nell’aspetto adulto è noioso e difficile.

Tuttavia, questo aspetto intraprendente e luminoso della nostra personalità ha un punto debole. Se tutti gli impulsi del Bambino vengono assecondati, una persona può iniziare a ignorare le maniere a tavola. Guidati dagli istinti del Bambino Libero, si può guidare a una velocità molto elevata, il che è illegale e pericoloso. Alcune persone vivono costantemente nello stato di Bambino Libero ed è difficile per loro prendere decisioni, assumersi la responsabilità della propria vita, guadagnare soldi, ecc.