Il mio partner è così ambivalente!

Oggi nella nostra rubrica “Caro terapista” analizzeremo una lettera che parla di una relazione ambivalente.

È la situazione che si verifica quando il tuo partner è, a volte,  la persona migliore del mondo e, a volte, la peggiore.

“Buonasera! Per cominciare, voglio ringraziarti per aver letto la mia lettera. Mi riempirebbe di gioia avere una tua risposta. Grazie!”

Ciao. Risponderò alla tua lettera paragrafo per paragrafo. Innanzitutto, voglio dire che non ho scelto a caso la tua lettera. L’ho scelta perché fornisce un chiaro esempio di come funziona la codipendenza e di come emerga dal tuo modo di comunicare con noi. Ma non corriamo troppo.

“Mi sono riconosciuta nel caso ‘Non riusciamo a stare insieme e non riusciamo a stare separati’, anche se la nostra situazione è diversa. Il mio partner a volte è un tenero coniglietto e a volte è un ‘cattivo ragazzo’.”  “Percezione parziale, è necessario cancellare i confini”.

Non so esattamente dove hai preso questa citazione e quanto sia rilevante per la tua lettera. Ma, a giudicare dalle parole che hai scelto per descrivere il tuo uomo, posso dire che non lo vedi come una persona adulta, non lo vedi come il tuo partner e, sicuramente, nemmeno come una persona che rispetti.

“Un uomo molto dirompente, direi addirittura bipolare. Il suo umore può cambiare drasticamente in un batter d’occhio.”

Voglio subito chiederti su quali basi, in base a quali sintomi e, soprattutto, in base a quali qualifiche mediche hai diagnosticato al tuo partner il “disturbo bipolare”. È una malattia grave, anche se esistono terapie efficaci. È una malattia che ha svariati sintomi e che può essere diagnosticata solo da uno psichiatra.

“Attualmente, il mio problema principale è che lui pensa che tutto sia colpa mia. Il nostro cane ha rubato il cibo dalla tavola (lo fa spesso): “è colpa tua: non avresti dovuto lasciarlo libero”. Ho versato il latte rimasto nel cartone in una tazza, per conservarlo. Più tardi, lui ha rovesciato il latte dalla tazza: “Sei una stupida, perché hai messo il latte nella tazza?”. Ieri sono stata tamponata da una moto: “Perché diavolo prendi quella strada, è pericolosa! È tutta colpa tua”. E così via.”

Senza dubbio, questa è una forma di comunicazione molto spiacevole e tossica. Se comunica con te in questo modo, è impossibile per voi stare bene. Ed è impossibile costruire una relazione sana.

“Mi dirai: “perché hai bisogno di tutto questo???” Vittima Tiranno. Un esempio da manuale.

Ma non sono mai stata una vittima con gli uomini!!! Anzi, proprio l’opposto. Ma con lui è tutto l’opposto. Ricevo sempre complimenti e attenzioni dagli uomini. Scusa, non sto cercando di vantarmi, ma ho un bell’aspetto e ho abbastanza successo!”

La dinamica vittima – tiranno ha una curiosa tendenza: è flessibile. C’è una semplice spiegazione: ogni sadico ha dei tratti masochisti e ogni masochista ha dei tratti sadici. A volte, si può cambiare ruolo nel contesto della stessa relazione. Oppure, può accadere come nel tuo caso: eri solita deridere tutti, e ora il tuo partner si fa beffe di te.

Il problema principale è che, in linea di massima, il tuo modello relazionale e il modo in cui vedi le relazioni sono deformati. Secondo il tuo modello, qualcuno deve stare in alto e qualcuno in basso. Non sai come costruire una relazione paritaria. E, a proposito, stai attivamente cercando di umiliare quest’uomo, che consideri un tiranno.

Riguardo al fatto che sei bella e di successo, non ha nessuna importanza. Non usiamo la bellezza e il successo per instaurare le relazioni.

“È come se in lui ci fossero due uomini: uno è freddo e dispotico, e l’altro (che è il motivo per cui non me ne vado) è molto attento, amorevole e mi dice che non vuole perdermi. Un completo dualismo. È un Gemelli. Le montagne russe.”

Entrambe queste parti costituiscono il tuo uomo. Devi accettare il fatto che una parte non esiste senza l’altra. Finora hai ragionato in termini di immagini piatte. Ma il tuo obiettivo è vedere il tuo partner come un’immagine 3D sfaccettata. Un uomo è composto da tante cose. Soltanto allora sarai in grado di prendere decisioni più razionali.

Per quanto riguarda i segni zodiacali, è una delle storielle amate dalle persone codipendenti: usano i segni zodiacali per spiegare tutto.

“Questo è il tipico gaslighting:

  • Ti stai inventando tutto questo; sei una stupida.
  • Tu sei la mia regina; sei tutto per me. Io non ti lascerò mai. Non m’importa, la porta è aperta. Etc etc.
  • Nevrosi (mia). Dovrei andare da uno psicologo.”

Cosa posso dirti? È così che comunica il tuo partner. Non gli è stata fornita un’altra forma di comunicazione.

La tua lettera termina qui. Non hai posto nessuna domanda e non hai detto che risultato vorresti ottenere. Questo mi dice che non sai cosa vuoi. È una cosa che hai lasciato a me: devo decidere io cosa vuoi tu, che tipo di vita desideri. Devo prendere questa decisione per te. Questo è un altro tratto distintivo delle persone codipendenti. Ti raccontano i loro guai e poi ti guardano in attesa. Come se dicessero: “Allora, dimmi qualcosa, non so cosa”.

Ma io dovrò deluderti. Nessuna domanda chiara, nessuna risposta. Nemmeno una.

Abbi cura di te.