Insonnia: cause e rimedi

L’insonnia è un tipo di disturbo del ritmo dell’orologio biologico interno che può verificarsi per molte ragioni diverse. Tuttavia, queste motivazioni possono essere suddivise in tre gruppi principali:

Fisiologiche. Si tratta dei vari problemi di salute che possono portare a una scarsa qualità del sonno. Ad esempio, problemi alla tiroide, deficit di alcune vitamine e minerali, carenza di melatonina, ecc.

Psicologiche. Problemi psicologici come un elevato livello d’ansia, depressione, disturbi nevrotici, reazioni allo stress, ecc.

Comportamentali. Alcuni comportamenti che provocano e perpetuano disturbi del sonno: superlavoro, eccesso di caffeina, sconvolgimento dei ritmi biologici (stare alzati fino a tardi e alzarsi tardi), stare a letto tutto il giorno, scarsa attività fisica, “sovraccarico” del sistema nervoso e del cervello con informazioni prima di coricarsi, ecc.


Se un ospite notturno chiamato Insonnia viene a trovarti regolarmente o afferma, addirittura, di avere una relazione seria con te e vuole stabilirsi da te, la prima cosa da fare è escludere la presenza di ragioni fisiologiche. Cioè, consultare un medico.

Se non emergono problemi sotto questo aspetto, ed eviti anche le “cattive abitudini” che abbiamo elencato nel terzo gruppo di motivazioni (vai a letto in orario, non ti esponi al jet lag, non “abusi” di bevande contenenti caffeina, non mangi troppo prima di coricarti, ecc.), molto probabilmente le ragioni sono psicologiche. La maggior parte dei casi di insonnia è legata a problemi psicologici. Pertanto, dovresti essere in grado di superarli con l’aiuto di metodi psicologici.

Perché dovresti risolvere il prima possibile il problema con la privazione del sonno e non dovresti evitare di intervenire?

La mancanza di sonno, soprattutto quella prolungata, danneggia le nostre capacità cognitive. Ad esempio, potrebbe essere difficile concentrarsi su un’attività da svolgere o memorizzare nuove informazioni: la produttività precipita. La privazione del sonno riduce anche la capacità di prendere buone decisioni.

Ma non è tutto. Anche lo stato psico-emotivo di una persona insonne ne risente molto. L’irritabilità diventa costante. Improvvisi sbalzi d’umore, stanchezza cronica…immagina come questo “cocktail” influenzi la salute, l’umore e le relazioni sociali.

Un cervello non adeguatamente riposato può persino inviare impulsi errati al corpo. Di conseguenza, la coordinazione dei movimenti può essere compromessa. In questo caso, ad esempio, una persona che guida diventa pericolosa per sé stessa e per gli altri.

Ci auguriamo di averti convinto a riequilibrare il tuo ritmo del sonno il prima possibile.

Puoi iniziare facendo esercizi di rilassamento per il corpo e la mente. Impara la tecnica di rilassamento e la respirazione diaframmatica di Jacobson. Questo ti aiuterà ad abbassare il tuo livello generale di ansia.

Usa la regola dei “15 minuti”. Se in un quarto d’ora non riesci ad addormentarti, alzati e vai in un’altra stanza, in cucina o in terrazzo. Annota i pensieri che ti impediscono di addormentarti, riversali letteralmente sulla carta. Prova a svolgere un’attività calmante o, addirittura, noiosa. Non appena ti senti assonnato, torna a letto.

Crea un rituale della buonanotte e usalo. Ad esempio, un automassaggio, un bagno caldo o una partita a Sudoku.

Ricorda ogni dettaglio della giornata appena trascorsa: “Mi sono alzato, mi sono lavato i denti, poi ho mangiato un panino alla griglia con avocado e pomodoro, poi ho guardato fuori dalla finestra e ho notato uno spazzaneve che puliva la strada…”.

Se non sei in grado di risolvere il tuo problema di sonno con questi semplici metodi, dovresti cercare un aiuto psicologico. Uno specialista ti aiuterà ad analizzare in profondità e a rimuovere i motivi nascosti della tua insonnia.