La malattia di una persona cara

Succedono cose terribili nella vita. Una di queste è la grave malattia di una persona cara. La notizia di una malattia grave, forse incurabile, ammanta tutto di nero e ti impedisce di respirare liberamente. Forse ci sarà da affrontare un lungo periodo di ospedali, procedure mediche dolorose, operazioni, o dovrai acquisire familiarità con una vita segnata dalla perdita di alcune importanti funzioni del corpo (vista, udito, etc). La vita cambia per il malato e per le persone a lui vicine.

C’è un modo per essere d’aiuto in questa situazione? Sì. Nonostante non sia in tuo potere rimuovere la malattia o la sofferenza di una persona cara, conoscendo il meccanismo attraverso il quale si verificano alcune reazioni psicologiche, è possibile alleviare la sua sofferenza.

Ci sono diverse fasi nell’accettazione della malattia e per ciascuna di esse serve un aiuto diverso.

Come aiutare una persona malata:

Fase di shock. Rifiuto. “È impossibile! Non è vero!”.

  • dare il tempo alla persona cara di abituarsi all’idea di questa nuova situazione, a realizzarla;
  • starle accanto, controllare le reazioni emotive della persona cara: lo shock può essere sostituito da un’altra reazione violenta e imprevedibile.

Fase di aggressione e protesta. “Perché io?”

  • dare al malato l’opportunità di parlare, di esprimere i suoi forti sentimenti: dolore, paura, indignazione, turbamento. Ricorda che ce l’ha col destino, non con te o a qualcun altro;
  • mostra di aver compreso le sue preoccupazioni, di essere in contatto emotivo con lui il più possibile. In questo momento ha davvero bisogno di supporto;
  • quando il flusso di emozioni si attenua, aiutalo ad affrontare la rabbia: suggerisci di disegnare o modellare le sue preoccupazioni, se è opportuno;

La fase della contrattazione. “Prometto…Smetterò…”. Tenta di negoziare con il destino.

  • mantenere alta la fiducia che tutto andrà per il meglio: trasmettere quanti più messaggi positivi possibili; raccontare storie di malattie a lieto fine, offrirsi di guardare insieme dei film ispiratori o di leggere dei libri;
  • importante: assicurarsi che lo sperare in un miracolo non impedisca un trattamento qualificato e che la persona amata non abbandoni la lotta contro la malattia;

Lo stadio della depressione. “Perché mi merito questo?” . Perdita della speranza

  • non lasciare la persona cara da sola con le sue preoccupazioni, stalle accanto, sostienila, parlate di ciò che sentite;
  • se la prognosi è spiacevole, non cercare di ingannarla inculcando stati d’animo eccessivamente ottimistici, altrimenti la persona cara si bloccherà, sentendo di non essere capita;
  • offri alla persona malata l’opportunità di comunicare con le persone con cui desidera interagire, aiutala a pianificare ogni giornata, organizza cose semplici per il tempo libero;
  • suggerisci di andare ad una terapia di gruppo, in alcuni casi può essere utile, se la depressione è molto forte consultate un medico, forse prescriverà degli antidepressivi;

Fase di accettazione

  • aiutate con piccole cose ogni giorno e continuate a condividere il vostro supporto, il vostro tempo, la comunicazione.

Cosa è sconsigliato:

  • utilizzare frasi “motivanti” del tipo: “Riprenditi!”, “Tieni alta la testa!”, “Fatti coraggio!”. Per una persona che non è in grado di “riprendersi”, sono solo controproducenti;
  • cercare di ignorare le realtà e, nonostante le previsioni negative dei medici, di convincere la persona cara che si riprenderà presto;

Come aiutare te stesso:

Le preoccupazioni dei familiari di una persona gravemente malata sono in sintonia con le preoccupazioni del paziente; vale a dire, si attraversano le stesse fasi e sono coinvolti gli stessi sentimenti;

  • ricorda che tutta la gamma di sentimenti che imperversa dentro di te (rabbia, dolore, paura, dispetto, colpa) è una reazione adeguata alla situazione ed è normale;
  • trova un’opportunità per esprimere i sentimenti opprimenti: condividili con un amico, piangi, concediti di arrabbiarti e tira fuori la rabbia picchiando il cuscino o gridando;
  • se i sentimenti sono insopportabili e non sai cosa fare a riguardo, chiedi aiuto a uno specialista. La malattia di una persona cara può riaprire le tue vecchie ferite e far riemergere le paure;
  • prenditi cura di te: riposo, svago, passeggiate, sonno regolare, corretta alimentazione, routine quotidiana. Se sei una risorsa per un’altra persona, allora le tue riserve di energia vitale devono essere reintegrate;
  • se la relazione con la persona cara è complicata, non è necessario mostrare sincerità e accettazione forzate, è meglio mantenere una relazione neutrale;
  • determinare cosa si può veramente fare per la persona malata in questa situazione e cosa non è in grado di cambiare; realizzare i confini della propria responsabilità; 
  • chiedere aiuto: può voler dire assumere un’infermiera o chiedere alle persone vicine di fare delle cose. Non gravarti per non crollare sotto il peso della situazione.