La mia gelosia proviene dalle ferite della mia infanzia

Ciao! Ho un problema che vorrei discutere e cercare di capire con il tuo aiuto. Sono gelosa del mio uomo, soprattutto nei confronti di mia sorella. Il fatto è che non si sono nemmeno incontrati di persona.

Ho divorziato cinque anni fa e mi sono innamorata di quest’uomo. Era una folle relazione codipendente. Mi ha costantemente preso in giro: prima “ti amo”, poi “non lo so”; prima “vieni qui”, poi “non c’è bisogno”. Dopo un anno di montagne russe, finalmente ci siamo lasciati. Ma poi un suo amico, con cui eravamo soliti uscire tutti insieme, mi ha detto che lui gli aveva confidato che, in realtà, gli piaceva molto mia sorella. Quanto a me, ha detto che ero comoda e divertente. Mi ha davvero ferito questa cosa. Ho pianto per due ore in una chiesa. Provavo tanto odio verso entrambi. Sono riemersi tanti ricordi dolorosi della mia infanzia…tipo mia madre mi diceva che avrebbe voluto abortire, che non voleva portarmi a casa dall’ospedale. Ma lei adorava mia sorella, era la sua primogenita, la luce dei suoi occhi. Un’altra cosa è che mio padre tradiva mia madre con sua sorella. Sono venuta a saperlo ascoltando un loro litigio a riguardo.

Comunque, in questo momento ho un nuovo partner e viviamo insieme. L’ho presentato alla mia famiglia e ai miei amici, ma non a mia sorella. Sono spaventata e mi vergogno per la mia paura e per la gelosia, allo stesso tempo. Mia mamma mi diceva sempre che dovevamo aiutarci a vicenda, dato che siamo sorelle, ecc. Non sto vicino a mia sorella; è così da molto tempo. Forse, siamo troppo diverse o qualcosa del genere…I nostri rapporti sono molto essenziali. Sono arrabbiata con me stessa, con i miei genitori, con mia sorella. Capisco che solo io posso aiutarmi, ho bisogno di andare da un terapeuta, ma ho paura di parlare di queste cose con un’altra persona. In un certo senso, penso che sia tutta una cazzata, una cosa irrilevante (come mi diceva mia madre). Ho fatto tutti gli esercizi consigliati nell’app, ho letto articoli, ho seguito dei corsi. Va un po’ meglio, ma capisco che devo affrontare le cause alla radice, non i sintomi.

Il mio uomo sa della mia gelosia. Non mi ha mai dato alcun motivo per essere gelosa e rimane calmo. Una volta, dopo che io e mia sorella avevamo litigato a casa dei miei genitori, gli ho raccontato tutto (lui non c’era). Ha detto che sono la migliore e mi ama. Ho tanta paura di rovinare tutto con la mia gelosia. Ti prego, aiutami a gestire la mia gelosia e lasciar andare questa situazione. Grazie!

Ciao!  Oggi analizzerò il tuo caso e risponderò man mano a ciò che leggo.

  • “Ho divorziato cinque anni fa e mi sono innamorata di quest’uomo. Era una folle relazione codipendente. Mi ha costantemente preso in giro: prima “ti amo”, poi “non lo so”; prima “vieni qui”, poi “non c’è bisogno”. Dopo un anno di montagne russe, finalmente ci siamo lasciati. Ma poi un suo amico, con cui eravamo soliti uscire tutti insieme, mi ha detto che lui gli aveva confidato che, in realtà, gli piaceva molto mia sorella”.

Per il futuro, devi capire una cosa: il tuo partner potrebbe sentirsi attratto da altre persone ed è una cosa normale. Siamo tutti esseri umani e possiamo innamorarci o provare attrazione sessuale e affetto per qualcuno, anche se stiamo vedendo qualcun altro. Pertanto, la tua reazione forte ci mostra il tuo punto dolente. Riesci a immaginare quante donne siano attratte da Brad Pitt? Nel frattempo, sono felicemente sposate con il loro “Tony”. Se una persona ha una relazione, non smette di sentirsi attratta da altre persone. L’importante è che il tuo uomo sia con te. In questo caso, probabilmente, la sua instabilità e il tuo forte attaccamento (folle codipendenza) hanno peggiorato le cose per te. Provando queste cose, è difficile accettare che al tuo uomo piaccia qualcun altro, specialmente tua sorella, nel tuo caso.

  • “Quanto a me, ha detto che ero comoda e divertente”. 

Naturalmente, questo non è il feedback più positivo sulla tua relazione. Ed è chiaro che la relazione non era molto salutare (codipendenza da parte tua e tira e molla dalla sua). Da tutto quello che ci hai detto, non sorprende che la cosa gli facesse semplicemente comodo. Ripetiamo, queste sono soltanto le sue parole. La persona capisce raramente le proprie vere motivazioni per iniziare e mantenere una relazione. Ovviamente, però, capisce che gli faceva comodo.

  • “Mi ha davvero ferito questa cosa. Ho pianto per due ore in una chiesa. Provavo tanto odio verso entrambi”. 

Questa reazione ci dice che non ti sentivi ferita a causa del tuo uomo e di tua sorella, ma che eri già predisposta all’esperienza traumatica di essere abbandonata e respinta. Una reazione così forte è un motivo per andare dallo psicologo. Questa sensazione esisteva prima che accadesse la situazione con il tuo ragazzo, altrimenti non ti avrebbe ferito in questo modo.

  • “Sono riemersi tanti ricordi dolorosi della mia infanzia…tipo mia madre mi diceva che avrebbe voluto abortire, che non voleva portarmi a casa dall’ospedale”.

Sono davvero empatica con te, ora. Tua mamma ha sbagliato molto quando ha condiviso con te questi dettagli sulla tua nascita. È una cosa che ci rivela la sua immaturità. Essendo piccola, queste informazioni avranno avuto un grosso effetto su di te. Molto probabilmente, hai la sensazione di essere indesiderata, abbandonata, una brutta persona…Sentimenti come questi possono far soffrire davvero molto. Quando un bambino viene al mondo, ha davvero bisogno di sentire amore, calore e cura. Le parole di tua madre ti dicono che non eri la benvenuta. È una cosa molto spiacevole. In generale, una situazione del genere può insegnarti molto. Sei già venuta al mondo, ora devi trovare una fonte di amore e accettazione dentro te stessa.

  •  “Ma lei adorava mia sorella, era la sua primogenita, la luce dei suoi occhi”. 

Mi dispiace davvero che tua madre non abbia avuto abbastanza amore per entrambe. Oltre al deficit di amore, alla rabbia verso i genitori, alla mancanza dell’accettazione di sé, un bambino può anche acquisire una sorella come rivale. Nella storia della tua famiglia, tua sorella interpreta il ruolo di una persona pericolosa, una rivale.

  • “Un’altra cosa è che mio padre tradiva mia madre con sua sorella. Sono venuta a saperlo ascoltando un loro litigio a riguardo” 

Sì, posso capire come tua sorella possa apparirti come una persona pericolosa, che può sedurre e prendersi il tuo uomo. Ma questa è la storia dei tuoi genitori, non la tua.

  • “Comunque, in questo momento ho un nuovo partner e viviamo insieme. L’ho presentato alla mia famiglia e ai miei amici, ma non a mia sorella. Sono spaventata e mi vergogno per la mia paura e per la gelosia, allo stesso tempo. Mia mamma mi diceva sempre che dovevamo aiutarci a vicenda, dato che siamo sorelle, ecc.” 

Qualunque cosa dicessero i tuoi genitori, o vuoi mantenere un rapporto con tua sorella (e lei con te) oppure no. Hai legami di sangue con i tuoi parenti, ma questo non è un motivo per mantenere i rapporti o per costruire una relazione. Soltanto se tu lo vuoi e decidi di farlo.

  • “Non sto vicino a mia sorella; è così da molto tempo. Forse, siamo troppo diverse o qualcosa del genere…I nostri rapporti sono molto essenziali. Sono arrabbiata con me stessa, con i miei genitori, con mia sorella. Capisco che solo io posso aiutarmi, ho bisogno di andare da un terapeuta, ma ho paura di parlare di queste cose con un’altra persona. In un certo senso, penso che sia tutta una cazzata, una cosa irrilevante (come mi diceva mia madre)”.

Le cose che sembrano di poco conto per tua mamma, possono avere un significato diverso per te. Solo tu puoi decidere se questa è una cazzata o no. Nel complesso, la tua lettera è molto sincera. Ci parli delle tue esperienze e del tuo dolore. Dal nostro punto di vista, queste non sono cose di poco conto. Hai l’opportunità di risolvere la tua situazione, in qualche modo. Ti sei accorta di cosa sta succedendo e stai cercando una soluzione. È una cosa fantastica.

  • “Ho fatto tutti gli esercizi consigliati nell’app, ho letto articoli, ho seguito dei corsi. Va un po’ meglio, ma capisco che devo affrontare le cause alla radice, non i sintomi”.

Sì, hai ragione. Molto probabilmente, la causa principale è nella tua infanzia e nella sensazione di sentirsi indesiderata (sto parafrasando la tua lettera e dandoti la direzione in cui guardare). E il nocciolo della questione non sta nei tuoi genitori, ma nel modo in cui costruisci la tua vita dopo questi eventi e nel modo in cui ricerchi felicità e pace.

  • “Il mio uomo sa della mia gelosia. Non mi ha mai dato alcun motivo per essere gelosa e rimane calmo. Una volta, dopo che io e mia sorella avevamo litigato a casa dei miei genitori, gli ho raccontato tutto (lui non c’era). Ha detto che sono la migliore e mi ama. Ho tanta paura di rovinare tutto con la mia gelosia. Ti prego, aiutami a gestire la mia gelosia e lasciar andare questa situazione”.

Alla fine, hai risposto alla tua domanda. Solo la terapia può aiutarti, perché il lavoro deve essere molto specifico.

In sintesi, vorrei dire quanto segue.

La tua gelosia è comprensibile e logica, basata sulla tua storia. Se sei ancora influenzata dalle tue esperienze, sarà molto difficile per te reagire in modo diverso. Puoi provare a lavorare nelle seguenti direzioni:

Ama te stessa. Impara ad accettare te stessa, prenditi cura di te, colma le vecchie lacune. (La mamma non voleva portarmi a casa, ma io ci sono e sono qui. Ha amato di più mia sorella, ma ora amerò me stessa il più possibile, ecc.)

• Accetta che le persone provino sentimenti diversi verso persone diverse. Puoi pensare a due persone e descrivere i tuoi sentimenti nei loro confronti. Questi sentimenti saranno diversi. Quando nascono i bambini, i genitori possono provare sentimenti diversi nei loro confronti. Questi vuoti possono essere colmati solo dalla persona stessa, rielaborando ciò che è accaduto. Dal momento che è difficile farlo da soli, è necessario un aiuto psicologico per rivalutare la propria  visione della situazione.

• Prendi coscienza che le tue reazioni sono le conseguenze dei tuoi pensieri. Vedendo tua sorella come pericolosa, continuerai a provare questi sentimenti.

• Separa la situazione di tuo padre che tradisce tua madre con sua sorella dalla tua realtà personale. Sei una persona diversa. Tua sorella non è la sorella di tua madre. Il passato dei tuoi genitori non è il tuo presente, né il tuo futuro. Sì, è possibile che tu stia ripetendo uno scenario della famiglia dei tuoi genitori, ma è improbabile che tua sorella si spinga fino a quel punto. Se ha tendenze di questo tipo, allora potresti tenerla a distanza, lontana dalla tua relazione. Almeno per ora, mentre stai ancora affrontando la situazione.

• Non forzarti a comunicare con lei, se non lo desideri.

• Ricorda e accetta che tua madre prova dei sentimenti diversi per tua sorella. Non dovresti aspettarti che questo, in qualche modo, cambi da sé. Per ora, questi sono i fatti. Se lo tieni a mente e lo accetti, non soffrirai così tanto per la paura che tutto si ripeta.