Non riusciamo a stare insieme e non riusciamo a stare separati

“Vi parlerò della mia relazione emotivamente dipendente. Ci conosciamo da 20 anni. Abbiamo iniziato a frequentarci a 15 anni. È stata la nostra prima relazione, la prima volta che abbiamo fatto sesso, le nostre prime lacrime. Il nostro era un ciclo continuo: ci lasciavamo, ci pentivamo e tornavamo insieme. Passavamo da un estremo all’altro. I momenti buoni e felici erano pochi e lontani tra loro; ci siamo per lo più feriti e fatti a pezzi. Era come essere drogati. È andata avanti così per otto anni. Poi ho avuto la fortuna di incontrare un altro uomo, è stato come passare dal giorno alla notte. Ero felice, ci siamo sposati e abbiamo avuto un figlio. Poi abbiamo iniziato ad avere problemi matrimoniali e abbiamo divorziato. Io e il mio ex marito siamo in buoni rapporti, abbiamo una relazione amichevole. Dopo il divorzio, ho incontrato di nuovo il mio primo ragazzo. Erano passati 12 anni dall’ultima volta che ci eravamo visti e la passione si è riaccesa. Ora sono più vecchia, più intelligente, più matura e più fiduciosa. Anche lui è molto diverso: maturo, con una carriera di successo. Ma, proprio come quando eravamo giovani, non riusciamo a costruire una relazione. Siamo spesso in disaccordo: non urliamo, non facciamo le bizze, ma emotivamente soffriamo molto. Solitamente, non litighiamo nemmeno, ci lasciamo subito. Ma, dopo circa una settimana, uno di noi chiama o invia un messaggio e il ciclo ricomincia da capo. È estenuante, richiede così tanta energia. Parliamo, discutiamo, proviamo a guarire le nostre ferite, ma non funziona. Mi sento intrappolata nella codipendenza con quest’uomo. Capisco che questo non è nemmeno lontanamente amore, ma mi manca e mi sento attratta da lui. Come se avessi dei sintomi di astinenza dalla droga. Mi ha detto che lui si sente allo stesso modo. Non riusciamo a stare insieme e non riusciamo a stare separati”.

Ciao!

Grazie per questo chiaro esempio di comportamento dipendente.

Quello che descrivi nella tua lettera assomiglia molto alla dipendenza emotiva. Se non vogliamo usare questo termine, possiamo guardare la situazione da una prospettiva diversa. C’è qualcosa che vi attrae potentemente l’uno verso l’altro e poi qualcos’altro che vi allontana con forza.

Questo processo non ti permetterà di rilassarti e risucchierà la tua energia.

Certo, in questo momento sto esaminando la tua storia senza conoscere tutti i dettagli, ma hai assolutamente ragione nel ritenere che i tuoi sentimenti non possano essere amore.

Cosa puoi fare?

1. In qualsiasi conflitto, una parte alla fine vincerà. A quel punto il conflitto termina e la situazione viene temporaneamente risolta.

Nella tua situazione, puoi fare le seguenti scelte. Prima scelta: una volta che vi siete lasciati, non dovete tornare insieme. Non permettere a te stessa di struggerti con pensieri come “Non posso vivere senza di lui”. Cerca di resistere più a lungo del solito e cerca, quanto più possibile, di riorganizzare la tua vita, in modo da distrarti dal desiderio di tornare insieme.

Seconda scelta: in caso di conflitto, non seguite il solito schema lasciandovi. Cercate di restare insieme e trovare un modo per risolvere il conflitto in maniera diversa. Questo vi aiuterà a portare avanti la relazione.

2. Cerca di ricordare perché sei attratta da quest’uomo e cosa ti allontana da lui.

Una persona dipendente vede solo un lato. Permettimi di illustrarlo con un esempio. Una donna è sposata con un alcolizzato. Mentre suo marito beve, sua moglie ricorda tutte le cose brutte che sono successe nella loro relazione (l’ha chiamata con il nome di un’altra, ha speso tutto il suo stipendio, ha preso a calci il loro cane). Ma non appena il marito smette di bere, dimentica immediatamente tutte le cose brutte e ricorda solo quelle buone.

Poi arriva di nuovo il venerdì, o il giorno in cui prende lo stipendio, lui si ubriaca e lei torna alla sua opinione negativa.

Il suo errore è che vede solo un lato di suo marito. Quando beve, lo considera in un modo, quando è sobrio, in un altro. Ma lui rimane la stessa persona. È la moglie che cambia il suo punto di vista a seconda che sia ubriaco o no.

Succede spesso quando si tratta di uomini rudi. Di solito, un uomo di questo tipo vive con una donna che non sopporta il suo essere brusco. Quando la attacca, lei ricorda immediatamente tutte le cose orribili che lo riguardano. Ma poi, dopo essersi sfogato, lui si comporta in maniera esemplare per una settimana o due. Vedendolo così docile e carino, la moglie perdona e dimentica tutto. E poi rimane molto sorpresa quando accade nuovamente che lui si arrabbi e urli contro di lei e/o i loro figli.

Nelle coppie come la tua, in qualche momento il partner appare simpatico, ideale, bravo, semplicemente il migliore. Nei momenti difficili, vedi solo i lati brutti, solo quelli negativi. Non ti tornano alla mente cose positive.

Il tuo compito è di cancellare questi confini e di sbarazzarti della percezione parziale. Tieni a mente le cose brutte quando tutto va bene e tieni a mente le cose belle nei momenti difficili.

Come puoi farlo? Devi scrivere i principali vantaggi e svantaggi. Immagina di avere un cubo blu con una palla rossa in cima. Una persona dipendente vede solo il cubo o solo la palla, non riesce a vedere l’intera costruzione. Ma la costruzione non cambia solo perché la guardi da un’angolazione diversa. Cambia solo il tuo punto di vista.

Devi analizzare i diversi tratti del tuo partner. Annota le sue qualità buone e cattive.
Osserva questo elenco e analizza i tuoi sentimenti. Una persona dipendente penserà “Adoro davvero questa parte di lui, e odio davvero quella”. Ma se consideri il bene e il male contemporaneamente, nascerà qualcosa di nuovo. Una sensazione di equilibrio che ti impedirà di cadere in uno degli estremi.

Ad esempio, una delle mie utenti mi ha detto quanto segue. Quando suo marito beveva, lei lo odiava e iniziava a picchiarlo. Ma quando era sobrio, fingeva (con sé stessa) che tutto andasse bene. Quando ha eseguito l’esercizio che ti abbiamo appena proposto, ha capito di avergli sempre creduto quando lui le prometteva di smettere di bere. Per la prima volta, è stata in grado di chiedersi: e se non smettesse mai? Questo l’ha spinta a rompere con lui e lo ha lasciato…

Ma prima di farlo, ha provato a fare molte cose. Ha spiegato al suo partner quanto si sentisse ferita, gli ha chiesto di cambiare. Ma, quando si è resa conto che era tutto inutile, se ne è andata. Dopo un anno, lui ha smesso di bere da solo e sono tornati insieme. Ma nel momento in cui ha rotto con lui, ha smesso di saltare da una realtà all’altra. Le sue due realtà si sono fuse in una sola. E in questa realtà, ha preso una decisione: “sì, lui promette sempre di smettere, ma è possibile che non lo faccia mai e io sono troppo stanca”.

3. In determinati momenti, puoi rilassarti e pensare solo a un lato. Ma nel complesso, devi tenere a mente entrambi i lati della persona.

Ciò che ho descritto sopra riguarda il pensiero dipendente. È il modo in cui percepiamo il nostro partner. È ciò che ci aiuta a rimanere dipendenti. Se sai, però, che se dovessi rompere oggi con lui a causa dei suoi tratti negativi, allora domani ti mancherebbe, devi essere in grado di trovare un modo diverso, che non sia quello di lasciarsi, di affrontare il lato negativo.

Devi combinare le tue due realtà. In questo modo sarai in grado di trovare una soluzione più equilibrata e più sana. Facendo questo esercizio, sarai in grado di rimuovere una componente della tua dipendenza: la tua percezione del tuo uomo. E questo è già un grande progresso.

Questo esercizio non è facile, potrebbe non funzionare al primo tentativo.

Abbi cura di te!

Consulente Psicologo di Mindspa