Qual è la cosa migliore da dire a te stesso dopo un fallimento?

Siamo sempre pronti a sostenere le persone che amiamo, ma, per qualche ragione sconosciuta, nelle stesse situazioni trattiamo noi stessi come la matrigna cattiva tratta Cenerentola. È arrivato il momento giusto per imparare un approccio totalmente nuovo.

Cerca di immettere queste frasi nei tuoi pensieri. Ogni volta che succede qualcosa di spiacevole o inusuale, basta utilizzarle. Devi proseguire l’esperimento per almeno 10 giorni. Sarai sorpreso dai cambiamenti nel tuo stato e dai risultati dei tuoi sforzi.

Questa è un’esperienza e devi viverla.

Ricordi quando Thomas Edison ha inventato la lampadina? Quando la gente cercava di dirgli qualcosa per supportarlo dopo i molti fallimenti, lui rispondeva così: “Non ho una singola sconfitta. Ho appena inventato 10.000 opzioni che non funzionano”. Talvolta, vorresti davvero essere felice, ma la vita ti dà una lezione. Tuttavia, tale lezione è la forza trainante che ci fa avanzare.

Sono una vita più vecchio di prima.

Questo è riferito all’esperienza, ma va inteso anche in senso più generale. A volte il fallimento è letteralmente angosciante. Non è una cosa piccola, ma qualcosa di più serio, che cambia la vita. Superare questo ti cambierà sicuramente, ma solo tu puoi scegliere come. Sei già cresciuto come persona. Sei una vita più vecchio di prima. Ed è fantastico.

Cosa ne penserai tra un anno?

Ora le cose che sono successe sembrano molto importanti. Si insinuano in tutti i tuoi pensieri e oscurano letteralmente la luce. Prova a pensare alle cose più angoscianti avvenute un anno fa. Sono davvero importanti adesso? Probabilmente no. La stessa cosa accadrà a queste esperienze. L’importante è non aggrapparsi troppo al fallimento.

Cerca di essere sorpreso dai risultati.

L’ironia è una cosa interessante. Ti permette di rialzarti nei momenti in cui sembra che sia tempo di disperare. È una variante alternativa da utilizzare in casi simili.

Posso farcela!

È molto importante per noi crederci, è fondamentale. Ma dobbiamo anche credere in noi stessi e questa convinzione è la più importante. Ripetendo questa frase a te stesso, ti stai preparando per il successo e stai praticando una blanda meditazione e una sessione di auto-programmazione. Questo è utile!

Piangerò oggi e domani andrò oltre.

È importante darti il ​​permesso di arrabbiarti e piangere, se vuoi. Non devi essere un supereroe, ma semplicemente un essere umano! Puoi essere turbato quando qualcosa va storto. È assolutamente normale. Hai il diritto di sfogare le emozioni! Tuttavia, non è necessario immergersi in un oceano di tristezza e oscurità. Concediti del tempo, poi rialzati e vai avanti!

Sono cose che capitano.

Ricordi “Forrest Gump”, quel film in cui il protagonista ha accidentalmente detto questa frase? È totalmente vera, perché a volte va tutto completamente storto. È la vita. Dichiarando questa realtà, puoi fermare l’auto-flagellazione. Che senso ha? Sono solo cose che capitano.

A volte accadono cose brutte alle persone buone

Molte persone sono cresciute con la convinzione che facendo cose buone, arriveranno cose buone. Sfortunatamente, il mondo non è così semplice. Se qualcosa non va come dovrebbe, non è necessariamente colpa tua o di una tua mancanza. Ricordatelo sempre.

Ho fatto tutto il possibile.

Sì, hai fatto ogni sforzo per garantire che il risultato fosse migliore. Tuttavia, non sei riuscito ad avere successo. È importante rimuovere l’onere della colpa, questa frase ti aiuterà.

Se stavolta non ha funzionato, non significa che non funzionerà mai.

Anche questo è uno dei principi di auto-programmazione positiva ed è una verità assoluta! Oggi non è un giorno buono, ma chissà cosa accadrà domani, soprattutto considerando il fatto che hai una nuova esperienza all’attivo.

Ci penserò domani.

Ricordi la dichiarazione più famosa di Rossella O’Hara? Aiuta davvero! Ci sono momenti in cui ti rendi conto che non riesci a pensare lucidamente e che la tua frustrazione oscura tutto. Puoi dimenticartene, fino a domani. Il giorno successivo, puoi ricorrere ad una citazione di una vecchia fiaba: “Dormici sopra, si pensa meglio dopo una notte di sonno”. Magari non sarai così turbato per questa situazione la mattina dopo.