Quando sei stanco di tutto

Cosa facciamo solitamente prima di tutto quando l’apatia, questo “stato antiZen”, prende il controllo su di noi? Meglio, come al solito, portare esempi di vita reale.

Parliamo di Maria, che parla da sola dicendosi cose del genere: “Beh, cosa piangucoli a fare? Pensi che qualcuno farà qualcosa per te? C’è una parola per questo e questa parola è “necessaria”! Quindi, riprenditi! Devi alzarti e fare un milione di compiti incombenti! Non c’è ragione di crogiolarsi! Pigrona. Non sei più una bambina!”.

Roberta ha un modo di pensare differente: “È così. Non riesco a fare niente. E non voglio. Resterò sdraiata, come un fantoccio, finché non mi torneranno le forze. Sono andate via da un paio di mesi, però…Ma che ci vuoi fare?! Se le cose stanno così, mi sdraierò e aspetterò l’ispirazione e una sferzata di energia”.

Ti riconosci in Maria o in Roberta? Chi pensi che uscirà più rapidamente dallo stato di apatia?

Ti confideremo un segreto: sfortunatamente, nessuna delle due ragazze ha aumentato le sue possibilità di ristabilire la propria energia. Scopriamo perché.

La prima ragazza agisce secondo il principio “Beh, andiamo allora!”. Sai, ci sono registi teatrali che non riescono a spiegare la scena a un attore, pretendendo il risultato. Nella loro immaginazione, è confusa, sfocata, non riescono a esprimerla a parole e si arrabbiano impotenti con gli attori “stupidi” che non riescono a farla. “Non so come, ma sicuramente in questo modo non mi piace”. Oppure un caposquadra, in piedi accanto a uno schiavo caduto, con la frusta, mentre lo picchia con tutte le sue forze. Lo schiavo non ha più forza fisica, puoi sopraffarlo a morte e non si alzerà finché non gli darai da mangiare e gli concederai una pausa.

“Dallo a me!” non ha senso se non capisci i motivi per cui non riesci a “dare”. Maria non sta cercando di capire cosa è bloccato dentro di lei e ricorre a metodi decisi: minacce, manipolazione e parole dure. Come la matrigna della fiaba dei Dodici Mesi, la cui figliastra non considera il fatto che non ci siano bucaneve a dicembre. Tiralo fuori e mettilo giù.

E Roberta? Sembra che stia facendo il contrario. Dovrebbe funzionare. Quindi, perché non ci sono risultati? È semplice: nemmeno Roberta sta cercando di capire le cause dell’esaurimento e sta aspettando di “tornare in sé”. Tuttavia, è come allenare i muscoli solo con la forza del pensiero e poi controllare ogni mattina se ci sono dei risultati. Ci penso sempre! Ma non ora, starò sdraiato ancora un po’.

Allora, qual è il metodo migliore?

1. È importante riflettere su cosa si basino ora il tuo “non posso” e “non me la sento”. Da dove vengono? Quali sono i loro scopi? Possono esserci molte fonti e tutte sono tue, personali, individuali.

2. Fai un’autovalutazione. Lasciati andare “liberamente”: cosa vorresti fare se fosse tutto possibile? Ci sono molte peculiarità importanti. Da cosa sei attratto?!

Se non vuoi fare nulla, oppure vuoi mangiare senza controllo, o perderti nelle bacheche dei social network, è un segnale importante: molto probabilmente, hai vissuto in modalità “devi” per troppo tempo, e ora l’interruttore è bloccato. Il corpo semplicemente sa che non verrà ascoltato e cerca di “riposare” al massimo, di “fare una quantità sufficiente di niente”, come un bambino a cui è stato improvvisamente concesso di mangiare quanto gelato vuole, e non pensa se ne ha voglia o meno, ma se ne rimpinza semplicemente, finché gli adulti non cambiano idea e glielo levano.

In questo caso, devi negoziare con te stesso. Bene, ti ingozzerai con tre porzioni di McFlurry…ti sentirai meglio dopo? Ricordi cosa è successo dopo l’ultima volta? Mal di gola, indigestione e nessun piacere di sorta.

Forse provare a riempire questo vuoto con qualcos’altro? Possiamo sempre tornare al cibo, non va da nessuna parte. Nella maggior parte dei casi, dopo questo possono riemergere altri desideri precedentemente soppressi e vale la pena prestare loro particolare attenzione.

3. La prossima importante domanda che devo rivolgere a me stesso è: “Perché dovrei uscire dall’apatia”? E non è così ovvio come sembra. Se non esiste alcuna ragione interiore per interrompere questa condizione, semplicemente non ti abbandonerà. È come quando hai voglia di perdere peso, ma…in primo luogo, mi amano comunque, e in secondo luogo, non è poi così grave…Quindi, certo, voglio perdere peso, ma…
Quindi, chiediti questo: “Voglio uscire dalla crisi, sconfiggere l’apatia, cosa è successo/si è verificato/non è successo/non si è verificato?!”