Tre cose sul bambino interiore

Il bambino interiore è una parte importante di ogni persona. Lo abbiamo imparato grazie alla teoria dell’analisi transazionale di Eric Berne. Il bambino interiore ha funzioni molto importanti. È responsabile delle emozioni, dell’ispirazione e dei desideri. Se scopri di non essere in grado di determinare ciò che vuoi o di avere difficoltà con le emozioni positive, probabilmente la connessione con il tuo bambino interiore è interrotta.

Il principale malinteso sul bambino interiore è che abbia bisogno di “crescere”. Assolutamente no!!! Il bambino interiore dovrebbe rimanere sempre un bambino. Perché, se diventa adulto, perdiamo la spontaneità infantile e la capacità di provare tutta una serie di emozioni. Abbiamo già un adulto interiore che guida la nostra vita e le decisioni mature.

Pertanto, se hai difficoltà in aree come le scelte, l’indipendenza, la fiducia in te stesso, il processo decisionale e la stabilità, dovresti iniziare a rafforzare il tuo adulto interiore.  

Il secondo mito popolare è che il bambino interiore debba essere represso, in modo che non si intrometta. Ovviamente, non è possibile farlo. È come prendere una mano e nasconderla in un posto lontano, in modo che non ti disturbi. La psiche è come il corpo: abbiamo molte parti importanti e devono essere rispettate. 

Un altro estremo è preoccuparsi del proprio bambino interiore come se fosse qualcosa di speciale. “Il mio bambino interiore è estremamente imprevedibile e traumatizzato, quindi posso fare quello che voglio e fare i capricci. Il mio bambino lo richiede”. Questo approccio non è utile a instaurare relazioni e costruire una vita felice. Indica che il bambino interiore controlla il soggetto. Questo non è un bene per la vita adulta. Se il tuo bambino interiore è traumatizzato, devi lavorare sul trauma, devi consolare e sostenere il bambino interiore. Ma non dovresti permettergli di raggirare le altre persone. 

Cosa fa bene al bambino interiore? 

Per prima cosa, prestagli attenzione. Chiedigli cosa vuole. Fagli dei regali. Portalo in posti interessanti. Vizialo. Fagli vivere emozioni diverse, prova varie attività infantili. È bello ricordare ciò che desideravi tanto durante l’infanzia, ma non sei riuscito a fare, e provare a farlo adesso. 

Se vuoi avere più bambole, puoi andare a comprarne una o andare semplicemente a fare shopping in un negozio di giocattoli. Se vuoi cantare a livello professionale, puoi prendere lezioni di canto o iscriverti a un corso di recitazione e musical. Se avresti tanto voluto fare un giro sulle montagne russe, significa che devi farlo ora, quanti ne vuoi. Se ti va ancora altro gelato, devi fare il pieno.

Se il tuo bambino interiore è violento o aggressivo, il tuo compito è imparare a calmarlo. Trova le parole che ti sosterranno nei momenti difficili. Ad esempio, “troverò una soluzione”, “va tutto bene”, “sei al sicuro”, “ne verremo a capo e ci occuperemo di tutto”. 

Se il tuo bambino interiore si spaventa facilmente e vivi in ​​uno stato di timidezza costante, il tuo compito è sostenerlo, incoraggiarlo, capire di cosa ha paura esattamente e ricordargli che la parte adulta è qui e lo difenderà sempre.

Per riassumere, il tuo bambino interiore rimarrà sempre un bambino, e questo è un bene, è così che dovrebbe essere. Il tuo compito è diventare il suo principale alleato. Devi imparare a controllarlo e divertirti senza danneggiare la tua vita adulta.